ROMA 4 LUGLIO/23 DICEMBRE 2021
YAMANDU COSTA <br />feat MARTÍN SUED
Casa del Jazz
25/07
https://www.ticketone.it/event/i-concerti-nel-parco-casa-del-jazz-2021-casa-del-jazz-13775526/
PIAZZOLLA 100°

Incontro al vertice sulla musica latino americana.
Con un omaggio al mitico Astor

Yamandu Costa, chitarra a sette corde
MartÍn Sued, bandoneon

 

È un incontro al vertice tra due grandissimi musicisti sud-americani, un brasiliano e un argentino. E’ un percorso emozionante e virtuoso tra brani originali, compositori latino americani, con sonorità di tango e Choro… Si sono incontrati a Rio de Janeiro dove abitavano tutti e due e all’epoca hanno suonato in un progetto in quintetto. Nel 2019 si sono ritrovati a Lisbona, città crocevia di culture, perfetta per creare questa vera magia musicale. Quello che gli ha uniti immediatamente – tra le altre cose - è stata la loro ammirazione per la musica di Astor Piazzolla, che hanno in repertorio nei rispettivi progetti. Si nota inoltre la sua forte influenza in alcune delle loro composizioni.

MARTÍN SUED é um bandoneonista, compositore e arrangiatore, uno dei più importanti strumentisti argentini della sua generazione. Come compositore si è messo in evidenza per vere rinnovato il repertorio del bandoneon, lo strumento protagonista del tango, presente nel folclore e nell’identità della musica argentina. Le composizioni di Martín Sued hanno un carattere ludico con tonalità contemporanee e diverse influenze, ma con una chiara radice nella musica popolare del suo paese.
Nel 2018 Martin ha realizzato il suo primi CD per bandoneon solo, intitolato “Iralidad”, presentato negli Stati Uniti, Germania, Francia, Portogallo, Olanda, Brasile, Paraguay e Argentina.
Sued ha collaborato in progetti o registrazioni con artisti quali Guillermo Klein, Quique Sinesi, Yamandu Costa, Seamus Blake, Diego Schissi, Silvia Iriondo, Jairo e Liliana Herrero, Magic Malik, Mono Fontana, tra gli altri.

YAMANDU COSTA è un chitarrista e compositore brasiliano. Il suo strumento principe è la chitarra a sette corde, strumento particolare usato, in Brasile, principalmente nel Choro e nel Samba .
Yamandu suona dal Choro alla musica classica, ma è anche un gaùcho (abitanti della provincia del Rio Grande do Sul) pieno di milonghe, tanghi, zambas e chamané. Lui è quindi un “mix” di tutti questi stili creando interpretazioni di rara personalità sulla sua chitarra 7 corde, giustificando così il significato in tupi-guarani (lingua dei nativi indiani-brasiliani) del suo bel nome, Yamandu, “il precursore delle acque”.
Uno dei maggiori fenomeni della musica brasiliana di tutti i tempi, Yamandu conferma e merita tutti gli elogi che gli vengono fatti quando suona la sua chitarra.
Oltre ad avere ricevuto numerosissimi premi, Yamandu si è esibito praticamente in tutto il mondo: oltre al Brasile e in tutta l’America Latina, in quasi tutti I paesi europei, in Russia, Medio Oriente, India, Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia, Stati Uniti, Emirati Arabi. Poco prima della sua scomparsa, Paco de Lucia ha assistito ad un suo concerto in Brasile. Si vede nel filmato il Maestro spagnolo applaudire in piedi Yamandu, visibilmente emozionato.

Da segnalare inoltre i suoi progetti con Orchestre Sinfoniche, in Brasile ma anche in Francia come solista de l’Orchestre de Paris e de l’Orchestre National de France, diretta da Kurt Masur.

 

PRIMA A ROMA | Piazzolla 100°

PIAZZOLLA 100°
ARTISTI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

E RICEVI UNO SCONTO DEL 20% PER UN CONCERTO

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL