ROMA 4 LUGLIO/23 DICEMBRE 2021

I prossimi 19, 20, 21 novembre a Castelnuovo di Porto nella prestigiosa Sala dei Cento Passi nel Palazzo Ducale “Rocca Colonnna” , si svolgerà la rassegna “ DUE, TRE, QUATTRO…TUTTI!”Progressioni musicali e personali, iniziativa finanziata con fondi della Regione Lazio e realizzata in collaborazione con Cimamusic Arteducazione | Artipelago e l’Amministrazione Comunale di Castelnuovo di Porto.

In programma i concerti del Duo flauto/pianoforte Di Liddo – Di Marzio, del Trio D’Archi David e del Quartetto, Camera Jazz Ensembe.  Il Tutti a cui fa riferimento il titolo è rappresentato dal Coro Giovanile Artipelago, guidato da Anna Tigli. In funzione di tutor,conducono, coordinano i concerti i M° Azzaro, Martinini Tigli.

La formula proposta parte dall’idea del “reading concert”, uno dei format di comunicazione più efficaci sperimentati in questi ultimi anni sia come organizzatori che come spettatori: un momento di esibizione live che è “spiegato” dagli stessi artisti con parole semplici e chiare, prima, durante e dopo lo spettacolo.

Un momento di socializzazione nel quale non solo si diano informazioni di contenuto sul repertorio eseguito, ma si racconti, anche con brevi esempi autobiografici la propria esperienza personale, il proprio approccio con il mondo della musica e tutto ciò che vi gira intorno.

Anche il dress code dovrà essere informale: via “l’abito nero”, divisa classica del concertista vecchia maniera, è previsto un abbigliamento casual. Ed il pubblico è invitato a non essere più solo spettatore ma, se ritiene, prima o dopo l’esecuzione, ad interagire con l’artista ponendo domande o condividendo riflessioni personali.

Questo approccio informale permette all’ascoltatore di stabilire una interazione con l’artista e la musica che esegue, che il tempo del concerto trasformerà in emozioni condivise, in una sorta di amicizia e reciproco arricchimento che potrà forse avere un seguito.

Va da sé che questa formula, una delle tante possibili, potrà avere il suo miglior test di riuscita in un ambito in cui i partecipanti, provenienti da fasce di età ed estrazione sociale diverse, non siano solo addetti ai lavori, ma gente comune.

È un percorso che è necessario non improvvisare, perché possa avere l’impatto sperato sul pubblico: andranno quindi studiati e provati tempi e modalità di esecuzione, condividendo con gli stessi artisti la stesura del canovaccio (in cui si alterneranno interventi sonori e verbali ). È prevista quindi anche la presenza di tutor, nel corso delle prove ma soprattutto della performance, nella quale in funzione di conduttori/moderatori svolgano una funzione di raccordo tra gli interventi degli artisti e quelli del pubblico, lasciando poi all’esecuzione live quel margine di improvvisazione che renderà più effervescente il momento.

L’ambito territoriale individuato è quello del Comune di Castelnuovo di Porto, in provincia di Roma, nel esiste e opera una realtà didattica e di formazione la “Artipelago”, gestita da Cimamusicusic| Arteducazione,che dallo scorso decennio, proprio nell’ambito della musica classica ha seminato, con risultati eccellenti, sia in ambito strumentale che vocale.

In quest’ottica è sorta spontanea l’idea di una collaborazione che possa offrire non solo opportunità lavorative a giovani musicisti, ma anche una nuova prospettiva più moderna nell’approccio e offerta al pubblico del “concerto classico”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

E RICEVI UNO SCONTO DEL 20% PER UN CONCERTO

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL