Edizione 2011

Vivere è incontrarsi

Villa Doria Pamphilj, 30 giugno - 28 luglio

2011_150L’edizione 2011 del Festival rilancia un tema già toccato nel 2001 e cioè la necessità vitale per l’uomo di oggi di incontri umani fondanti.

Con “Vivere è incontrarsi” il Festival rilancia un tema già toccato nel 2001 e cioè la necessità vitale per l’uomo di oggi diincontri umani fondanti, di relazioni che buttano la vita da una parte o dall’altra, condannandola all’ovvietà o alla disperazione oppure lanciandola verso grandi potenzialità

Una serie di incontri costituiscono il companatico di queste sere estive sotto i pini di Villa Pamphilj: momenti conviviali che hanno l’ambizione di scavalcare la dimensione del palco per far vivere allo spettatore un’esperienza più diretta, attraverso uncoinvolgimento globale dei cinque sensi. Questi momenti sono contrassegnati dalla sigla Cinque S.

Altri incontri con realtà molto lontane dalla nostra, che comunicano l’immagine di rapporti diretti, solari, veri e propri faccia a faccia tra artisti e pubblico, non solo musicali, ma anche poetici, visivi, culinari, ecologici, sono invece contrassegnati dalla siglaMondo.com.

Non possono mancare alcuni eventi dedicati ai 150 anni dall’Unità d’Italia, incontri che mettono in luce un’identità nazionaleattraverso storie di vita vissuta, che racconteranno l’Italia di ieri e di oggi, dal nord al sud, questi ultimi saranno contrassegnati dalla sigla It.150.

Teresa Azzaro

 

dessi_cartelloneW
30
Giu
Sinfonie e arie d’opera di Verdi, Puccini, Cilea, Ponchielli

Senti l’affetto

micrologus_cart2
05
Lug
Ballate, danze, madrigali e canti. Fare festa e cantar d'amore ai tempi del Boccaccio...

Ensemble Micrologus

micrologus_cart
06
Lug
Ballate, danze, madrigali e canti. Fare festa e cantar d'amore ai tempi del Boccaccio...

Ensemble Micrologus

servillo_cart
09
Lug
Nuovissima produzione di Peppe Servillo

L’amante improvviso

dabbraccio_big
10
Lug
Una serata originale di teatro-canzone

Teresa la ladra

copertina_cart
13
Lug
Napoli così com'è. Senza retorica e senza veli

Questa città

calcaW
14
Lug
Ritmo ed emozione con la samba. Una serie di brani incantatori di Adriana Calcanhotto...

O microbio do samba

guyakW
16
Lug
La rivelazione

Sofya Gulyak

locandina_cart
20
Lug
Ambasciatori della musica tradizionale cubana nel mondo

Grupo Compay Segundo

donpasta_testaW
23
Lug
Serata musical - gastronomica

Storia d’Italia in dieci ricette

cartell
24
Lug
La macchina del capo

Marco Paolini

arisa_W
28
Lug
Special tour Victor Victoria

Arisa

girotto_mangalavite_servilloW
02
Ago
Fútbol - Sant'Oreste

Girotto, Servillo & Mangalavite

Natale 2011

28 Novembre - 18 Dicembre

Al via la consueta parentesi natalizia del Festival…

Un Natale povero ci attende quest’anno.
Povero non solo per noi Italiani, ma per l’Europa tutta, stretta in una crisi finanziaria e di sistema senza precedenti, per la quale tutti saremo costretti – ma lo siamo già! – a ulteriori sacrifici e limitazioni.
Ce lo sentiamo ripetere tutti i giorni e lo stiamo cominciando a capire bene.

Diciamo però che questa povertà del Natale 2011, ci avvicina alla sua prima edizione, nella quale effettivamente un bambino poverissimo nasceva in una stalla coperto di pochi stracci…

Light quindi, anche la nostra consueta rassegna autunnale che prevede tre spettacoli, dal 28 novembre al 18 dicembre.
Si è svolto lo scorso 28 novembre in due repliche al Teatro Vascello I Sogni del Poeta, una deliziosa, onirica rappresentazione di teatro nero, sospesa tra sogno e realtà, conscio ed inconscio. Lo spettacolo prodotto da cantieri dello spettacolo ha colpito enormemente la fantasia e l’immaginazione del numeroso pubblico di bambini e adulti. Bravissimi tutti gli interpreti, in particolare il motore dei cantieri dello spettacolo, Federica Mancini e la geniale light designer Lucia De Bernardis.

Vicinissime ormai le due repliche di “Concerto di Natale”. Il tradizionale concerto corale natalizio sarà interpretato da uno dei cori storici più prestigiosi della Capitale, il Coro dell’Accademica Filarmonica Romana diretto da Mons. Pablo Colino, nei vivaci e calorosi quartieri romani di Bravetta e Massimina.

Un Nota Bene: forse questo orizzonte economicamente e socialmente dimesso può essere l’occasione per riscoprire un Natale più autentico, nel quale non la faccia da padrone il dio consumismo, ma l’autentica, straordinaria rivoluzione che questo Bambino ha portato nel mondo.

Buon ascolto,

Teresa Azzaro

sogni-del-poeta-volantino-15x20
28
Nov
Un magico spettacolo tra fantasia e realtà

I sogni del poeta

accademia filarmonica romana
17
Dic
Repertorio sacro e popolare del Santo Natale

Concerto di Natale