Edizione 2007

Raccontami una storia

Villa Doria Pamhilj, 4 - 27 luglio

2007_loc_150Per l’estate 2007 un cartellone dove si incontrano l’antico ed il moderno, il classico e il popolare, la tradizione e l’innovazione. I diversi spettacoli hanno una cosa essenziale in comune: tutti raccontano una storia.
Il desiderio di raccontare una storia è la ragione più profonda per cui si fa arte e spettacolo, e per cui tutti abbiamo sete di arte e spettacolo.

In autunno, la terza edizione dei “Concerti alla Casanatense” nasce con un duplice scopo: proporre all’attenzione del pubblico pagine della grande civiltà musicale italiana nei luoghi dove esse sono conservate e accostare grandi autori del passato e giovani compositori contemporanei, italiani e stranieri.

XVII° edizione del Festival I Concerti nel Parco

Un cartellone dove si incontrano l’antico ed il moderno, il classico e il popolare, la tradizione e l’innovazione. Un cartellone indirizzato volutamente a pubblici di età, provenienza e orientamenti culturali diversi…

Anche quest’estate un cartellone dove si incontrano l’antico ed il moderno, il classico e il popolare, la tradizione e l’innovazione.
Un cartellone indirizzato volutamente a pubblici di età, provenienza e orientamenti culturali diversi.

I diversi spettacoli, volutamente eterogenei, hanno una cosa essenziale in comune: tutti raccontano una storia.
Il desiderio di raccontare una storia è la ragione più profonda per cui si fa arte e spettacolo, e per cui tutti abbiamo sete di arte e spettacolo.

Si può raccontare una storia cantando una canzone, leggendo un testo, ballando o facendo tutte queste cose insieme.
Si può raccontare una storia con una vera e propria trama, oppure si può raccontare una storia fatta solo di suoni.
E le storie antiche e moderne di questi artisti vorremmo ascoltarle tutte, e tante volte, come quando eravamo bambini.

Ci auguriamo che succeda anche al nostro pubblico, di rimanere a bocca aperta ad ascoltare una storia nel verde intenso di una sera a Villa Pamphilj.

Teresa Azzaro

noa_cartellone_big
04
Lug
Napoli Tel Aviv

Noa & Solis String Quartet

flamenco_cartellone_big
05
Lug
Un tuffo nelle suggestive atmosfere flamenche

Sentir flamenco

dabbraccio_miniatura
07
Lug
Musiche di Monteverdi e di tradizione popolare dell’area greca e mediterranea

Clitemnestra

dosto_miniatura_2
11
Lug
Nuovo spettacolo dei Dosto & Yevski

Allegro confuso ma non troppo

magnani_miniatura
13
Lug
Una trama sonora in cui si alternano recitazione, esecuzione live, trattamento elettronico di voci, parole e suoni

Americans Dreams

grante_miniatura
14
Lug
Musiche di Robert Schumann, Frédéric Chopin, Leopold Godowsky, Sergei Rachmaninov

Il pianista romantico

antonella_cartellone_big
15
Lug
Canzoni fra le due guerre, novità discografica 2007

Antonella Ruggiero

barra_cartellone_big
21
Lug
Uno spettacolo raffinato e travolgente, tra musica e teatro

Graffi d’autore

negroni_cartellone
23
Lug
Un piano jazz gioca su tema e variazioni

Carlo Negroni

morgan_cartellone_big
27
Lug
“Da A ... ad A”

Morgan

Autunno 2007

Biblioteca Casanatense, 7 - 21 dicembre

Valorizzare il grande repertorio musicale del passato e riproporlo nei luoghi storici dove è conservato e dare spazio ed opportunità ad interpreti ed autori italiani di talento sono le principali finalità artistiche della terza edizione dei “Concerti alla Casanatense” curati da Teresa Azzaro.

Da una parte la proposta di programmi in cui sono accostati, con naturalezza, grandi autori del passato e giovani compositori contemporanei, italiani e stranieri.
Riteniamo infatti essere questa oggi l’unica strada per non ghettizzare l’esecuzione di musica contemporanea a rassegne ad hoc frequentate per lo più da amici, conoscenti ed addetti ai lavori.

La musica contemporanea va aperta al giudizio di un pubblico eterogeneo.
Pubblico che deve poter sentire Bach accanto a Sciarrino, piuttosto che Brahms accanto alla giovane Silvia Colasanti.
Del resto – per fortuna della musica contemporanea! – tutti i più grandi interpreti d’oggi, propongono sempre più spesso alle istituzioni musicali programmi così formulati. Alcuni, come il nostro mitico Maurizio Pollini, presentano addirittura cicli ad hoc in questo senso (Progetto Pollini – Stagione Accademia Santa Cecilia 2008).

D’altra parte, scopo del ciclo di Concerti alla Casanatense è riproporre all’attenzione del pubblico, in alcuni casi per la prima volta in epoca moderna, pagine della grande civiltà musicale italiana nei luoghi dove esse sono conservate.
Nel nostro caso provengono dal ricco fondo musicale della Biblioteca Casanatense.

Dopo Luigi Rossi e Giacomo Carissimi nel 2005, Nicolò Paganini nel 2006, quest’anno la scelta è caduta su Alessandro Scarlatti, compositore mirabile ma ancora troppo poco conosciuto, eseguito ed ascoltato.
In tutti i concerti infine, sono presentati ensemble italiani di grande spessore artistico nati e cresciuti professionalmente grazie alla felice “testardaggine” di alcuni artisti, che non vogliono arrendersi all’evidenza di una lacerante carenza di spazi e opportunità lavorative per i musicisti italiani.

Questa breve ma intensa rassegna musicale si svolge in uno dei centri culturali più affascinanti del centro storico di Roma, la Biblioteca Casanatense, luogo di grande attrattiva non solo dal punto di vista architettonico, ma anche come archivio musicale tra i più importanti del centro Italia.

Buon ascolto!

Teresa Azzaro

trio_big
07
Dic
Come fuoco vestito di canto

Trio Nahars

latina_big
15
Dic
Tesori della casanatense

Alessandro Scarlatti e dintorni

schola_r_e_big
21
Dic
La Schola Romana tra passato e presente

Roma Caput Mundi