Caricamento Eventi

Edizione 2011

Napoli così com'è. Senza retorica e senza veli

Questa città

  • 13 luglio 2011
  • Villa Doria Pamphilj
copertina_cart

Napoli, ieri ed oggi. Senza veli, senza retorica – It 150

Patrizio Trampetti & Letti Sfatti
Ospite Peppe Barra
Con la partecipazione in video di Erri De Luca
Jennà Romano, voce e chitarra
Roberto Marangio, basso
Mirko Del Gaudio, batteria

Il punto di partenza di questo nuovo incontro artistico è chiaro sin dal titolo: Questa Città, una canzone scritta dai Letti Sfatti, Erri De Luca e Patrizio Trampetti. Si parla di Napoli, Neapolis, capace di trasfigurarsi in tutte le altre città nuove del mondo: Villeneuve, Newtown, Neustadt, Novigrad.

La città unisce la forza della poesia – Erri De Luca – con il vigore della musica – Letti Sfatti con Patrizio Trampetti.
Il risultato oltre a un libro è Questa città il Live, un concerto impreziosito dalla proiezione a commento della musica delle foto di Sergio Siano fotoreporter de Il Mattino, e dallo stesso videoclip, in cui lo scrittore è presente nel doppio ruolo di voce narrante e di protagonista prestando la sua immagine nel video, prodotto e realizzato interamente in animazione 3d dalla Poliovale.

Il Letti Sfatti e Patrizio Trampetti eseguono canzoni che hanno caratterizzato i movimenti musicali di questa città.
Più di una generazione a confronto: si parte dal folk revival degli anni’60 con canti come Jescè sole, che risale al 1200, villanelle del XVI secolo (vurria addeventare, in galera li panettieri etc.), canti della tradizione viva (Madonna de la Grazia, Tammurriata alli uno) fino ad arrivare a perle della musica d’autore come “ Un Giorno credi, “ Feste di Piazza “, scritte da Patrizio Trampetti per Edoardo Bennato.

Un omaggio al movimento Prog napoletano degli anni ’70 vede come ospite Lino Vairetti leader degli Osanna, la musica dei Letti Sfatti è in tutto questa una finestra sulla musica di provincia:
“…si muore vivendo dietro la nuca della città“
Brani come Palmiro, A Casandrino, sottolineano il disincanto delle nuove generazioni rispetto alla politica, le istituzioni, le religioni.

Nuova produzione – Prima Italiana