Caricamento Eventi

Edizione 2015

Forme d’acqua nella Commedia 1265 - 2015 | 750 anni dalla nascita di Dante

Dante Symphonìa

  • 12 luglio 2015
  • Villa Doria Pamphilj
lastrico_min

Giovani interpreti italiani leggono la Commedia
Maurizio Lastrico

Attori
Maurizio Lastrico
Agnese Ciaffei – menzione speciale al Festival Dantesco 2015 per l’interpretazione ‘al femminile’ del Canto di Ugolino
Giacomo De Rose – 1° Premio FD 2012, II anno Accademia Eutheca
Elena Ferrantini – 3° Premio FD 2015, I anno Centro Sperimentale di Cinematografia
Eleonora Lausdei – 2° Premio FD 2012, I anno Accademia Internazionale di Teatro
Jacopo Neri – 1° Premio FD 2013, I anno DAMS
Arianna Serrao – menzione speciale FD 2015
Cristina Ugolini – 3° Premio FD 2015

Musicisti
Luca La Verde – percussioni
Enrico Truffi – polistrumentista
Andrea Di Renzi – bassista

Disegno luci – Francesco Bàrbera, costumi ed elementi scenici Capannone Molière
Regia e supervisione musicale –  Paolo Pasquini
Assistente alla regia – Agnese Ciaffei

Nel 750° anniversario della nascita di Dante, una “sym-phonìa”, cioè un accordo di più voci, parodiche e drammatiche.
Da un lato, Maurizio Lastrico, autore e interprete delle ormai celebri incursioni comiche, in perfette terzine dantesche, presentate negli scorsi anni allo Zelig televisivo, con i fatti della più spicciola realtà quotidiana trasfigurati in epica buffa proprio attraverso la scrittura – e la recitazione “gassmaniana” – in endecasillabi:
Il sole all’imbrunir lascia il suo seggio,
finito il travagliar m’avvio a dimora,
ma giunto al mio quartier non v’è parcheggio!
Dall’altro, le voci di giovani interpreti, sette attori e tre musicisti selezionati dal Festival Dantesco, per la prima nazionale di Dante symphonìa, ultima rielaborazione dello spettacolo di Paolo Pasquini già presentato più volte all’estero (Ankara, Barcelona, Beograd, Budapest, Lyon, Madrid, Marseille, Strasbourg, Toulon):  un viaggio vocale e musicale all’interno della Commedia dantesca, lungo l’elemento acqua e le sue metamorfosi, in un itinerario di progressivo disgelamento, dal ghiaccio dei traditori, e di Ugolino, attraverso la pioggia di Ciacco e il mare di Ulisse, fino alla rugiada della spiaggia del Purgatorio, ai fiumi salvifici del Letè e dell’Eünoè, e alla neve che al sol si «disigilla» dell’ultimo Canto del Paradiso.

Produzione Associazione Xenia
Con il Patrocinio della Società Dante Alighieri

Prima assoluta