Un autunno difficile

Dopo l’esaltante estate di spettacolo vissuta a Casa del Jazz gli scorsi luglio e agosto, la ripresa è stata traumatica. Infatti il maledetto virus ha ripreso a mordere, producendo effetti devastanti e costringendoci ad una resistenza strenua, da nord a sud.

Nel nostro settore, la chiusura al pubblico dei teatri, sale da concerto e cinema ha significato un altro stop brutale per artisti, maestranze, tecnici e soprattutto per il pubblico dopo che in estate aveva riassaporato con commozione la bellezza dello spettacolo dal vivo.

La nostra attività di spettacolo è ripresa il 24 ottobre scorso a Palazzo Annibaldeschi, con “Punctum Contra Punctum”, un sensazionale concerto di Simone Vallerotonda dedicato a Raffaello nel 500° anniversario dalla morte.

E per una felice coincidenza, ultimo giorno di possibilità di spettacoli dal vivo, prima della pubblicazione dell’ultimo Dpcm, successivamente al quale abbiamo perciò dovuto annullare gli spettacoli del 7 e 14 novembre.

Ma, nell’intento di offrire musica e cultura a coloro che la amano e non se ne vogliono privare neanche in questa fase di silenzio obbligato, riprendiamo il prossimo 28 novembre con un concerto in diretta streaming dedicato ad Arturo Benedetti Michelangeli per i 100 anni dalla nascita (1920/2020). Lo interpreta un giovane pianista italiano, Stefano Andreatta, già conosciuto ed apprezzato a livello internazionale.

In programma le Sonate n. 1 e 2 op 27 di Beethoven -ulteriore omaggio per il 250°beethoveniano- e la Sonata n. 2 op 35 di Chopin, brano che il sommo Maestro, “Ciro” per gli amici, frequentava assiduamente e proponeva nel suo sceltissimo catalogo. Ci è piaciuta l’idea di riassaporarla nell’interpretazione di un ragazzo degli anni 2020 senza, ovviamente, l’intenzione di fare improponibili paragoni.

E concluderemo questo annus horribilis, con due concerti corali natalizi in diretta streaming l’8 ed il 13 dicembre interpretati da giovani voci di ragazzi… il Coro giovanile With Us e il Coro Voces Angelorum diretti da Camilla Di Lorenzo. Sono giovani artisti che hanno confermato la partecipazione a questi eventi nonostante la durezza del momento, perché vogliono cantare con il loro entusiasmo – ed insieme a tutti noi – la speranza di un 2021 di rinascita.

Teresa Azzaro