Per i Têtes de Bois l’evoluzione della propria musica passa attraverso la ricerca di una formulaaltra”, fatta di parole e suoni catturati nei luoghi della quotidianità‚ di transito, nell’assorbire segnali e aprirsi alle sollecitazioni e alle inquietudini.

Una storia fatta di strade e svincoli, di luoghi impropri, di Berlino e Parigi, di concerti sulle scale mobili nei sotterranei dei metrò, di camioncino Fiat 615 NI del 1956, di fabbriche abbandonate, d’interventi estemporanei sui tram, nelle stazioni ferroviarie, ma anche di club, centri sociali, teatri e festival prestigiosi.

I Têtes de Bois sono:

Andrea Satta – voce
Carlo Amato – contrabasso, basso, computer e campionamenti
Luca De Carlo – tromba
Angelo Pelini – pianoforte, fisarmonica, tastiere
Maurizio Pizzardi – chitarre
Lorenzo Gentile – batteria


I Têtes de Bois sono sul palco de I Concerti nel Parco il 19 luglio